in

OMICIDIO MUHAMMAD SHAZAD KHAN: In manette il padre del ragazzo che ha ucciso l’immigrato

Gridava: “Ammazzalo”!  

È accusato di concorso nell’omicidio volontario di  Muhammad Shazad Khan, a Torpignattara, Roma. Avrebbe anche minacciato i testimoni. 

alt

Prendilo! Picchialo! Amamzzalo!” gridava dal balcone al figlio diciasettenne, che stava massacrando a pugni e calci Muhammad Shazad Khan. Poi, quando la vittima era già a terra esamine, minacciava alcuni testimoni dell’aggressione, chiamandoli “spie” e “infami”.

La polizia ha arrestato anche il padre del minorenne finito in carcere per l’omicidio di un immigrato pakistano avvenuto il 18 settembre scorso a Torpignattara, multietnico quartiere della capitale. É accusato di concorso in omicidio volontario e si tme che possa inquinare le prove.

Secondo gli inquirenti l’uomo, un 40 enne già noto alle forze dell’ordine, avrebbe istigato il figlio minorenne a commettere l’omicidio. Avrebbe poi aggredito un ragazzo che aveva assistito alla scena, inseguendolo e sfondando con un calcio il portone di casa sua, per “convincerlo” a non dire nulla alla polizia.

Pare che  Muhammad Shazad Khan, un senza fissa dimora che spesso passava da quelle parti,  fosse già stato “preso di mira”. Qualche giorno prima dell’omicidio, il padre del suo assassino gli avrebbe lanciato una bottiglia piena d’acqua , a quanto pare perchè era infastidito dalla litania che stava ripetendo: una semplice preghiera.

ELECTIONS MOZAMBICAINES: Le FRELIMO en tête des premiers résultats

OTTOBRE AFRICANO: La 12ème édition du Festival “Octobre Africain” continue de plus belle en Italie