in

SPREAD-SIDENTI!

Chi “spreadica” bene ma razzola male!

Dopo ll declassamento ad opera dell’agenzia di rating Standard & Poor’s, il presidente francese Nicolas Sarkozy ed il presidente del Consiglio italiano Mario Monti si sono incontrati per discutere il da farsi.


– Ciao Sarko! Che brutta cera. Ma che fai con tutte queste pillole? Cosa sono?

– Mon Dieu! Questi str… di Standard & Poor’s, mi hanno proprio rovinato con questa storia di togliermi una A alla tripla A. Non ci dormo più. Essere retrocesso dalla AAA alla AA mi fa venire un gran mal di testa, perchè non riesco a togliermelo dal cervello, con le elezioni presidenziali alle porte.

– Dimmelo a me che ho subito un declassamento dalla A alla BBB. E questo benedetto “spread” che non vuol sentire di scendere. Mi avevano detto che bastava che venissi io al governo, e invece…

– Ma poi ci si mette pure quella tedescona. E’ colpa sua perchè quella tirchia non vuole aprire i cordoni della borsetta. Parbleu! Dobbiamo fare qualcosa. Sai che ti dico, la andiamo a trovare e l’affrontiamo a muso duro.

– Ma noooo! Quella lì? Figurati! Ci rimanda a cag…! Io piuttosto ho un’altra idea. Andiamo da Papa Benedetto XVI

– Come? Dal Papa! E che c’entra?

– Bè! Intanto se non altro è dalla parte dell’Italia. Hai visto che ultimamente nei suoi discorsi dice sempre “noi”, riferendosi agli Italiani? E poi è tanto che vive a Roma, avrà persino  imparato il dialetto romano.

– Mi sa che non hai tutti i torti. E poi è tedesco pure lui. Chi meglio di un tedesco può convincere la tedescona. Però alt! Parlo io! Tu ascolta e basta. Ci penso io a parlare col Papa.

– Va bene! Però levati questa aria da funerale, per favore.

Sarkozy e Monti vanno quindi a San Pietro e, nei corridoi si imbattono proprio su Papa Benedetto XVI che, sorpreso di vederli al Vaticano, li apostrofa:

– Ehi! Qual buon vento? Per venir qua di persona, dovete avere qualcosa di molto importante da dirmi. Vi ascolto!

Monti naturalmente aspetta che intervenga il presidente francese, che però non fiata. Silenzio! Sarko non apre bocca. Monti pensa tra sè e sè: “E meno male che Monsieur voleva parlare LUI!” Ancora silenzio! Allora Monti si gira perplesso verso Sarkozy e dandogli una gomitata, gli fa:

– BBBè?

Sarkozy, tenendosi la testa, con un guigno di dolore, fa:

– AA…h!

E il Papa, con un azzardato accento romanaccio:

– POORINI!

 

CAN 2012 – Groupe D: Rude bataille en vue!

PROGETTO BIOHYST PER L’AFRICA – “GRAFFITI”: Collettiva dell’associazione VersOltre