in

MUSICA PER L’INFANZIA: L’album “Musicalmente” – Per i bambini ed i loro genitori

Mente sana in musica sana!

Le autrici del Cd “Musicalmente” sono: le italiane Giuditta Santori, batterista e percussionista con una lunga esperienza nella musica etnica, e Roberta Montisci, pianista e fisarmonicista, con la pianista polacca Basia Wisniewska, cantante e pianista.

L’obiettivo, pienamente raggiunto, è realizzare musica che possa essere ascoltata da bambini e genitori insieme a partire dal momento della gravidanza. Il disco, infatti, è dedicato “Ai nati e ai futuri nati” ovvero ai bambini fin dal momento in cui sono racchiusi nel ventre materno.

Da anni Giuditta Santori nelle sue attività di concerti e laboratori per mamme in gravidanza e bambini da 0 a 3 anni sperimenta e rafforza la relazione madre-bambino tramite l’esperienza sonora.

Se prima della nascita l’esperienza musicale è quella di un suono originario (quello del liquido amniotico, la voce materna, il ritmo dei suoi organi interni), dopo la nascita recuperare questi suoni è il modo per ricreare l’unità primigenia con la madre. La continuità del suono prenatale in quello postnatale è importante per l’avvio di una relazione armoniosa tra madre e bambino e per lo sviluppo armonico di quest’ultimo.

Tramite il massaggio vibro-acustico del canto e di particolari strumenti suonati a contatto (sanze, mbire, campane tibetane, bamboosticks e via dicendo) Giuditta Santori propone alle mamme di trasmettere al proprio bambino  un mondo di suoni e di emozioni che formeranno la sua prima identità musicale. In breve, si offre alle mamme la grande opportunità di essere musicalmente complici della vita nel suo essere e  nel suo farsi perchè la madre è suono e musica, ritmo vitale che fa vibrare di sé il suo bambino.

Non è un caso che persone adulte, magari musicisti professionisti, sono ancora legati al ricordo del canto materno perchè esso rimane l’evento musicale più carico di passione e di amore. Si può affermare, nell’ottica della teoria dell’Imprinting di Lorenz, che i bambini che vivono queste emozioni possono trasferire i loro sentimenti appassionati nella percezione del mondo sonoro perchè come noi conosciamo così poi sentiremo. In breve, il nutrimento sonoro della musica è per gli autori una possibilità unica e irripetibile di crescita e sviluppo sotto il profilo psichico, emotivo, musicale e sociale del bambino.

I brani del cd sono stati composti anche per favorire l’apprendimento musicale del bambino offrendo musica di qualità e ricchezza  di stili e sonorità: si va dal misticismo indiano, alla magia africana, dal passionale flamenco all’energia balcanica e via dicendo.

Si offre così un panorama ricco e diversificato che non annoia l’ascolto del bambino, ma piuttosto lo diverte e lo induce all’imitazione e al movimento. Infatti, il linguaggio della musica è prima di tutto linguaggio del corpo  e delle emozioni e il bambino più di un adulto è in grado di tradurre la musica in movimento e affetto.

Una nota curiosa: i brani sono stati registrati all’interno dell’asilo “Scarabocchiando” di Roma (www.scarabocchiando.net) che da più di 20 anni ha inserito la musica come elemento portante del suo progetto educativo-didattico.

 

 

COUR PENALE INTERNATIONALE: Le «deal» qu’on propose à Gbagbo?

BURKINA FASO: Jeannot Rasty – La nouvelle voix du gospel a sorti l’album “Zousoaba” (L’Eternel)