in

ASILO IN ITALIA: Iter più veloce per le domande – Ok definitivo in Senato

Asilo senza… assillo? 

Convertito in legge il decreto 119/2014, aumentano le commissioni e la procedura diventa più snella. Destinati altri fondi all’accoglienza per ampilare la rete Sprar. 

alt

Convertito in legge il decreto 119/2014, aumentano le commissioni e la procedura diventa più snella. Destinati altri fondi all’accoglienza per ampilare la rete Sprar. Con 164 voti favorevoli e 109 contrari , il Senato ha approvato ieri pomeriggio defnitivamente la conversione in legge del decreto 119/2014, sulla quale il governo aveva posto la fiducia. Tra le altre misure, come quelle contro la violenza negli stadi, il testo prevede interventi importanti per velocizzare l’esame delle domande d’asilo e nuovi fondi per l’accoglienza dei profughi.

Le commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale, quelle che esaminano le domande d’asilo, passano da dieci a venti e vengono incardinate nelle prefetture. Praticamente ce ne potrà essere una in ogni regione italiana. Inoltre potranno articolarsi in trenta diverse sezioni. Un potenziamento finanziato con circa dieci milioni di euro all’anno.

Se il richiedente asilo verrà trasferito da un centro d’accoglienza a un altro, la competenza per l’esame della domanda passerà alla commissione che ha la competenza sul luogo di destinazione, ma sarà possibile anche assegnare la competenza tenendo conto del carico di lavoro di ogni commissione territoriale, in modo da non creare sovraccarichi. Quando però c’è già stato il colloquio, rimarrà competente commissione di fronte alla quale si è svolto.

Per il colloquio è prevista una procedura più snella, perché verrà sostenuto di norma davanti a un solo commissario, che poi chiederà ai suoi colleghi di deliberare. Su richiesta dell’interessato o del presidente si potrà svolgere davanti alla commissione al completo.

Il decreto incrementa poi di 50,8 milioni di euro per il 2014 il Fondo Nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo, in modo da permettere l’ampliamento del sistema di accoglienza della rete Sprar, gestita dai Comuni. Altri 62,7 milioni di euro vanno invece quest’anno al ministero dell’interno per “fronteggiare le esigenze straordinarie connesse all’eccezionale afflusso di stranieri sul territorio nazionale”.

Infine, un aiuto a tredici comuni siciliani che più hanno sentito l’impatto degli sbarchi. Agrigento, Augusta, Caltanissetta, Catania, Lampedusa, Mineo, Palermo, Porto Empedocle, Pozzallo, Ragusa, Siculiana, Siracusa e Trapani potranno escludere le spese derivanti dall’emergenza immigrazione da quelle che rientrano nel conto del patto di stabilità interno.

MAROC: Le rappeur mineur “Mister Crazy” emprisonné pour avoir diffusé des clips jugés offensants

CAN 2015: Le Soudan, le Gabon et l’Algérie veulent prendre la place du Maroc