in

LOMBARDIA: Introduzione del “Reddito di autonomia”!

Immigrati inclusi! 

Partono nuovi contributi economici a famiglie, anziani e disoccupati. La cittadinanza non conta, ma servono almeno 5 anni di residenza in Regione. 

alt

♦ Abolizione del ticket sanitario;

♦ Bonus bebè tra 800 e 1000 euro dal secondo figlio in poi;

♦ Contributo da 800 euro per pagare l’affitto;

♦ Voucher da 400 euro al mese per un anno ad anziani e disabili;

♦ Contributo da 300 euro al mese per sei mesi ai disoccupati.

Sono le 5 misure sperimentali del “reddito di autonomia”, con cui la Regione Lombardia vuole aiutare chi è in difficoltà. Misure varate oggi dalla giunta guidata da Roberto Maroni e che non distingueranno tra italiani e stranieri, prevedendo però (tranne che per l’abolizione del ticket) un requisito di almeno 5 anni di residenza in Regione che di fatto penalizzerà gli ultimi arrivati.

Il significato di questa innovativa iniziativa – ha sottolineato Maroni presentando le misure – è rendere autonomi i cittadini lombardi dallo stato di bisogno. Abbiamo messo 50 milioni per gli ultimi tre mesi del 2015 e 200 per il 2016“. Una cifra che dal Pirellone promettono di aumentare se dalla prossima legge di Stabilità arriveranno fondi aggiuntivi per la Lombardia.

Le 5 misure del “reddito si autonomia” avranno partenze scaglionate tra oggi e il 1 dicembre. Ecco come vengono illustrate in una scheda diffusa dalla Regione Lombardia:

ZERO TICKET SANITARIO –

Prevista l’abolizione, per le famiglie, del cosiddetto ‘superticket’ per le prestazioni ambulatoriali, che in Lombardia può arrivare fino a 30 euro.

♦ Reddito familiare imponibile: fino a 18.000 euro

♦ Decorrenza: dal 15 ottobre 2015

♦ Modalità di accesso: autocertificazione del reddito imponibile

♦ Destinatari (su base annua): circa 500.000 famiglie (1.250.000 cittadini)

♦ Dal primo gennaio 2016, compatibilmente con le disponibilità finanziarie, introduzione del ‘quoziente familiare’ secondo il modello francese.

BONUS BEBÈ –

Contributo economico una tantum di 800 euro per i secondi nati e di 1.000 euro dal terzo figlio.

♦ Reddito ISEE di riferimento: fino a 30.000 euro

♦ Decorrenza: dalla mezzanotte dell’8 ottobre 2015

♦ Modalità di acceso: a richiesta, a seguito di comunicazione di Regione Lombardia su segnalazione dell’ospedale di nascita – Destinatari (su base annua): 26.000 secondogeniti più 10.000 secondogeniti e oltre

♦ Requisiti: residenza in Lombardia da almeno 5 anni

BONUS AFFITTI –

Contributo economico una tantum di 800 euro, rivolto alle famiglie in condizione di fragilità socioeconomica, residenti nei Comuni ad elevata tensione abitativa (155 Comuni).

♦ Reddito ISEE/FSA (Fondo Sostegno Affitti) di riferimento: tra 7.000 e 9.000 euro

♦ Decorrenza: dal 1 novembre 2015

♦ Modalità di accesso: bando regionale

♦ Destinatari (su base annua): 6.000 famiglie

♦ Requisiti: residenza in Lombardia da almeno 5 anni

ASSEGNO DI AUTONOMIA –

Voucher di 400 euro al mese, per dodici mesi, per l’acquisizione o il mantenimento di autonomia personale nel proprio contesto di vita, a favore di persone anziane e di persone disabili in condizione di non autosufficienza e a forte rischio di esclusione sociale.

♦ Reddito ISEE di riferimento: fino a 10.000 euro

♦ Decorrenza: dal 1 dicembre 2015

♦ Modalità di acceso: due avvisi pubblici regionali

♦ Destinatari (stima su base annua): circa 1.000 famiglie

♦ Requisiti: residenza in Lombardia da almeno 5 anni

PROGETTO DI INSERIMENTO LAVORATIVO (PIL) –

Contributo economico di 300 euro al mese, per un periodo di massimo 6 mesi, per favorire l’inserimento o il re-inserimento lavorativo attraverso attività di orientamento, formazione, ricerca attiva del lavoro.

♦ Reddito ISEE di riferimento: fino a 18.000 euro

♦ Decorrenza: dal 15 ottobre 2015

♦ Modalità di accesso: a sportello attraverso Dote Unica Lavoro

♦ Destinatari (su base annua): 5.000 persone

♦Requisiti: disoccupati da oltre 36 mesi, che non fruiscono di alcuna integrazione al reddito e si trovano in una condizione di difficoltà economica. 

Stranieriinitalia.it

FLUX SAISONNIERS: Entrées bloquées – 30.000 demandes, à peine 2.000 contrats de séjour!

IMMIGRATION ET CHÔMAGE: “Permis de séjour d’au moins 2 ans à qui a perdu le boulot”